Acqua Minerale in bottiglia VS acqua del rubinetto

Acqua minerale in bottiglia VS acqua del rubinetto

David Bertoli – Personal Master Trainer, Lifestyle & Wellness Coach, Nutritional Sport Consultant, Health Coach, Performance & Sport Consultant.

Spesso in molti si pongono il dubbio se sia meglio idratarsi con acqua in bottiglia o quella del rubinetto.

I luoghi comuni ci portano spesso a pensare che le acque minerali in bottiglia siano più “sane” e prive di contaminazioni rispetto a quelle dell’acquedotto.

E’ davvero così?

Come  spesso è e come suggerisco, non bisogna generalizzare ma sicuramente essere consapevoli che,  come gli alimento, anche l’acqua può essere soggetto talune contaminazioni e quello che dobbiamo essere in grado di fare sarà soprattutto comparare e leggere bene le informazioni nutrizionali in etichetta, di questo alimento fondamentale,  importante e nobile fonte di sostanze nutritive ad elevato assorbimento.

Purtroppo però le “regole del gioco” possono essere diverse e non tutti i giocatori seduti al tavolo sono tenuti a rispettarle alla stessa maniera.

Nell’etichetta delle acque minerali in bottiglia, non è obbligatorio segnalare determinati  valori di contaminanti, che sono invece soggetti ad obbligo di controllo nei nostri acquedotti e reti idriche.

Ecco di seguito una interessante valutazione di queste differenze.

CONSIGLI E AVVERTENZE ALL’UTILIZZO DELLE ACQUE MINERALI IN BOTTIGLIA

Comparazione degli obblighi di legge tra acqua in bottiglia e del rubinetto:

Le acque minerali in bottiglia contengono spesso sostanze pericolose come Arsenico, Cromo, Nichel, Nitrati e Piombo, in concentrazioni superiori a quelle ammesse per l’acqua di rubinetto;

La presenza di Cadmio (Cd) rende, in base alla legge vigente, non potabile l’acqua di rubinetto se presente oltre i 5 mcg/l;

Nell’acqua minerale questa stessa sostanza può essere disciolta senza neanche incorrere in obblighi di comunicazione in % sino a 10 mcg/l;

Per il Nichel (Ni), considerato nocivo nell’acqua di rubinetto se supera i 50 mg/l, non è addirittura prevista alcuna soglia limite nelle acque minerali imbottigliate;

Il Cromo totale (Cr), nelle forme esavalente e trivalente, è consentito nella misura massima di 50 mg/l nell’acqua di rubinetto, mentre è tollerato fino a 50 mg/l nella sua forma esavalente nelle acque minerali e non è previsto alcun valore limite per il cromo totale;

I Nitrati (NO-3) sono indice di inquinamento e precursori di sostanze pericolose (nitriti +ammine = nitrosammine); i valori devono essere < 10 mg/l nel bambino e nella donna gravida e < 45 mg/l nell’adulto;

N.B. Se l’acqua minerale supera queste soglie, il produttore ha solo l’obbligo di dichiararlo in etichetta, senza nemmeno essere tenuto a specificare la non idoneità per i bambini e/o l’adulto;

Il Fluoro (F-) non deve essere > 1,5 mg/l (rischio di fluorosi);

Il Ferro (Fe++) se > 1 mg/l è generalmente sconsigliato nei soggetti affetti da gastroduodeniti;

L’Arsenico (As) deve essere < 10 mcg/ l* (5 mcg/l);

Inoltre le acque “medicali”, ricche di sali minerali (R.F. >1500 mg/l), andrebbero utilizzate su consiglio medico, in particolare se assunte a scopo curativo;

LIVELLI DI ARSENICO NELLE ACQUE MINERALI

Un’indagine realizzata nell’ambito dall’ Atlante Europeo dell’EuroGeoSurveys Geochemistry Expert Group ha permesso di conoscere tutti i dati relativi alla composizione delle acque minerali europee.

L’Arsenico è inoltre considerato dall’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro come elemento cancerogeno certo di classe 1, e posto in diretta correlazione con molte patologie oncologiche e non (cardiovascolari, neurologiche, diabete, ematologiche, della sfera riproduttiva, ecc), e in particolare con il tumore del polmone, della vescica, del rene e della cute.

Come fare ora a gestirsi per favorire la buona condizione di salute?

Variando spesso le nostre scelte, evitando che ogni contaminante sia troppo frequente, tra l’acqua del rubinetto e le varie acque minerali in commercio, selezionando tra queste  quelle più sane e a basso contenuto di molecole nocive per l’individuo, come quelle sopradescritte.

NOTA BENE: l’Italia è il più grande produttore del mondo di acque in bottiglia e gli italiani ne sono i più grandi consumatori.

Detto ciò… Live & Think Healthy!

David Bertoli – Personal Master Trainer, Lifestyle & Wellness Coach, Nutritional Sport Consultant, Health Coach, Performance & Sport Consultant.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui social
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Leggi anche...

ALLENAMENTO A BUFFER

ALLENAMENTO A BUFFER, RIPETIZIONI DI RISERVA E SFORZO CORRELATO ALL’ESERCIZIO

David Bertoli Personal Master Trainer – Performance & Sport Coach – Online Coach – Nutritional Sport Consultant – Lifestyle & Wellness Coach – Health Coach. Questa interessante tecnica di allenamento, prevede il non esaurimento muscolare e delle ripetizioni di lavoro (RIR) totali e quindi il non raggiungimento della massimo sforzo

Avena, importante fonte di carboidrati amici

Avena, importante fonte di carboidrati amici David Bertoli Personal Master Trainer – Online Coach –Nutritional Sport Consultant – Lifestyle & Wellness Coach – Health Coach. Tramite le nostre abitudini alimentari dobbiamo assicurare al nostro organismo tutti i macronutrienti (proteine, carboidrati, fibre, acqua) per il corretto equilibri delle nostre funzioni psicofisiche,

Indice Glicemico VS Carico Glicemico.

Indice Glicemico VS Carico Glicemico. Che cos’è l’indice glicemico (IG) di un alimento? David Bertoli Personal Master Trainer – Online Coach –Nutritional Sport Consultant – Lifestyle & Wellness Coach – Health Coach. L’indice glicemico è un parametro elaborato agli inizi degli anni ’80 dal prof. Jenkins dell’Università di Toronto che classifica