il concetto del “Giustamente Affaticante” e le più usate Scale di Valutazione dell Sforzo

Il Concetto del Giustamente Affaticante e le più usate scale di Valutazione Dello Sforzo.

David Bertoli – Master Personal Trainer, Lifestyle & Wellness Coach, Nutritional Sport Consultant, Health Coach, Performance & Sport Consultant.

Quali sono le sensazione che possiamo e dovremmo imparare ad auto-somministrarci e ben riconoscere durante i nostri allenamenti?

Per quanto riguarda l’allenamento, con pesi, contrappesi e resistenze, il concetto del “Giustamente Affaticante” racchiude il suo senso nel ragionamento per il quale se viene consigliata/indicata l’esecuzione “X” movimenti  (reps), la capacità di gestione delle mie possibilità, dovrà permettermi di affaticarmi ad esaurimento entro l’intervallo suggerito (es. 8/10 reps, né di più ne di meno), non per una “libera scelta” ma perché non riuscirei ad eseguirne oltre o meno di quelle indicate.

Naturalmente, il raggiungimento di questo limite, deve essere eseguito prevalentemente  su alcuni esercizi ma con riservo su altri, quelli più impegnativi dal punto di vista del carico articolare e/o di esposizione al rischio di infortunio, piuttosto che di grande impegno tecnico.

La maturità d’allenamento e/o l’affiancamento di un esperto e competente trainer, faranno riconoscere le sensazioni legate a questo importante concetto per il perseguimento degli obbiettivi estetici e di performance sportiva.

Oltre a questo fondamento chiave, ecco di seguito le più comuni scale e target di lavoro, usate prevalente per le prestazioni di resistenza ed endurance, anch’esse molto importanti per riconoscere ed associare dati organici, sensazioni ed effetti, un aspetto questo fondamentale per favorire l’atleta nell’accrescere esperienza e risultati.

– RPE SCALE – RATING OF PERCEIVED EXERTION (BORG)

RPE 0 = NESSUNO SFORZO; COPRO IMMOBILE – impegno  % 0:

RPE 1  = PICCOLI MOVIMENTI, COME PREMERE I BOTTONI DEL TELECOMANDO DELLA TV – impegno  % 1-10;

RPE 2 = RISCALDAMENTO PRIMA DELL’ESERCIZIO O RAFFREDDAMENTO DOPO DI ESSO. LA RESPIRAZIONE INCOMINCIA AD ACCELLERARRE UN PO’ – impegno  % 11-20;

RPE 3 = SFORZO MEDIO. LA TEMèERATURA CORPOREA INCOMINCIA AD AUMENTARE – impegno  % 21-30;

RPE 4 = SIA LA RESPIRAZIONE CHE LA TEMPERATURA CONTINUAO  AD AUMENTARE – impegno  % 31-40;

RPE 5 = ALLENAMENTO MODERATO. NON FACILE MA NEMMENO TROPPO DIFFCILE. DOVRESTE ESSERE IN GRADO DI CONVERSARE SENZA RESTARE SENZA FIATO – impegno  % 41-50;

RPE 6 = ALLENAMENTO MODERATO. NON FACILE MA NEMMENO TROPPO DIFFCILE. DOVRESTE ESSERE IN GRADO DI CONVERSARE SENZA RESTARE SENZA FIATO – impegno  % 51-60;

RPE 7 = LA RESPIRAZIONE DIVENTA MOLTO Più PROFONDA ED E’ DIFFICILE CONVERSARE DURANTE L’ESERCIZIO – impegno  % 61-70;

RPE 8 = UNO SFORZO MOLTO INTENSO CHE PUO’ ESSERE SOSTENUTO SOLO PER BREVI PERIODI DI TEMPO – impegno  % 71-80;.

RPE 9 = LA RESPIZIONE E’ MOLTO AFFANNATA E POTETET PRONUNCIARE SOLO POCHE PAROLE SENZA FARE UN ALTRO RESPIRO PROFONDO. SE NON DIMINUITE LO SFORZO, SARESTE COSTRETTI A FERMARVI – impegno  % 81-90;

RPE 10 = IL VOSTRO MASSIMO SFORZO POSSIBILE, CHE PUO’ ESSERE MANTENUTO PER MENO DI 60’’ (S) PRIMA DI RAGGIUNGERE L’ESAURIMENTO COMPLETO DELLE FORZE – impegno  % 91-100;

– ZONE DI FREQUENZA CARDIACA (FC su base Tanaka o Karvonen)

ZONA1 = Riscaldamento/Raffreddamento/Recupero. < 65% FC.MAX. Warm up/Cool down/Recupero.Allenamenti dedicati alla cura degli aspetti tecnici. Si riesce a dialogare con conversazione completa.

ZONA2 = Lipolisi e resistenza. 65% – 72% FC.MAX. La respirazione accelera, durante questa fase è ancora mobile conversare

ZONA3 = Massima aerobia. 73%  – 80% FC.MAX. E’ possibile pronunciare solo frasi brevi.

ZONA4 = Anaerobia intensa. 81% – 90% FC.MAX. SOGLIA DEL LATTATO. E’ impossibile in questa fase tenere una conversazione completa.

ZONA5 = Massima prestazione. > 90% FC.MAX. Prove di sprint al massimo sforzo. Impossibile parlare.

– RELAZIONE TRA FREQUENZA CARDIACA E LIVELLO DI SFORZO PERCEPITO

LIVELLO DI SFORZO %

ZONE FC

LIVELLO DI SFROZO RPE

60-70% sforzo

FC ZONA 1 _ < 65% FC.MAX.

3-5

70-75% sforzo

FC ZONA 2 _ 65% – 72% FC.MAX.

5-6

75-80% sforzo

FC ZONA 3 _ 73% – 80% FC.MAX.

7-8

80-85% sforzo

FC ZONA 4 _ 81% – 90% FC.MAX. 

8-9

85-90% sforzo

FC ZONA 5 _ > 90% FC.MAX.

9-10

Buon allenamento a tutti!

David Bertoli – Master Personal Trainer, Lifestyle & Wellness Coach, Nutritional Sport Consultant, Health Coach, Performance & Sport Consultant.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui social
Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Leggi anche...

Indice Glicemico VS Carico Glicemico.

Indice Glicemico VS Carico Glicemico. Che cos’è l’indice glicemico (IG) di un alimento? David Bertoli Personal Master Trainer – Online Coach –Nutritional Sport Consultant – Lifestyle & Wellness Coach – Health Coach. L’indice glicemico è un parametro elaborato agli inizi degli anni ’80 dal prof. Jenkins dell’Università di Toronto che classifica

Online Coaching & Personal Training

Online Personal Coaching & Personal Training David Bertoli Personal Master Trainer – Online Coach –Nutritional Sport Consultant – Lifestyle & Wellness Coach – Health Coach. Se cerchi una figura esperta, affidabile e competente, che possa aiutarti e supportarti anche a distanza per migliorarti sotto più punti di vista, questo è il servizio

La Quercitina, importante polifenolo utile per articolazioni, supporto antiossidante, antinfiammatorio organico e intestinale.

La Quercitina. David Bertoli Personal Master Trainer Faenza – Nutritional Sport Consultant – Lifestyle & Wellness Coach – Health Coach. La quercitina è un polifenolo appartenente alla classe dei bioflavonoidi, abbondantemente presente in natura in numerose fonti di origine vegetale. E’ una molecola nutraceutica presente in diversi alimenti come il

Scroll to Top